Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Presentazione del Salone del Mobile.Milano 16-21 aprile 2024

Salone_Arvid_Rosini_Fratesi_Porro_Nichetto_Griffin

Presentato ieri a Villa Copenaghen, il Salone del Mobile 2024 ha portato in Danimarca il fascino e l’energia per cui è famoso attraverso le testimonianze dirette dei suoi protagonisti. Nel corso della “Road to Salone 2024”, infatti, la tappa nella capitale danese è stata condotta dalla Presidente, Maria Porro, accompagnata da Marva Griffin Wilshire, fondatrice della fucina di giovani talenti del design, il “SaloneSatellite”, e dai designer Luca Nichetto e Felicia Arvid. Carrellate vivide su quanto realizzato finora, racconti della progettazione sull’attesa nuova edizione, ricordi che hanno intrecciato l’ispirazione e le scelte professionali di Nichetto ed Arvid (quest’ultima, danese e vincitrice del “Compasso d’oro”) hanno coinvolto dal vivo il pubblico di operatori e giornalisti provenienti dall’intera area scandinava.

La capacità del Salone di interpretare pioneristicamente già negli anni passati temi oggi alla ribalta, quali sostenibilità delle produzioni e degli allestimenti accanto ad innovazione e creatività, sono più volte emersi nel corso della presentazione così come durante l’evento che l’ha preceduto, presso la Residenza italiana, dove designers, giornalisti e rappresentanti del mondo artistico ed architetti hanno avuto egualmente modo di rilevare l’attualità dell’approccio e l’ampia risonanza internazionale che anche l’edizione 2024 saprà assicurare.

 

Marva Griffin Wilshire, Ambasciatore delle Relazioni Internazionali del Salone del Mobile.Milano; Maria Porro, Presidente del Salone del Mobile.Milan; Ambasciatore d’Italia Stefania Rosini.

 

Designer ed ospite speciale Felicia Arvid; Marva Griffin Wilshire

 

Marva Griffin Wilshire; Enrico Fratesi, designer; Maria Porro, Presidente del Salone del Mobile.Milan; Luca Nichetto designer ed ospite speciale.

Foto: Davide Colombino