Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Seminario sugli investimenti immobiliari in Toscana

Dopo una tappa ad Aarhus l’8 giugno in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-Danese, il 9 giugno, presso la Residenza dell’Ambasciatore si è svolto un seminario organizzato da Venturelli Consulting, società di consulenza italo-danese, volto a portare a conoscenza di un pubblico di operatori danesi specializzati le opportunità di investimento nel settore immobiliare nella regione Toscana.

L’evento ha avuto inizio con il saluto dell’Ambasciatore, a cui è stata conferita la membership onoraria dell’Associazione Italiana Architetti Golfisti.

1

L’Architetto Ernesto Muscatello nomina l’Ambasciatore Stefano Queirolo Palmas
membro onorario dell’Associazione Italiana Architetti Golfisti

In seguito sono stati introdotti i principali trend bilaterali nel settore commerciale, del turismo e degli investimenti, una presentazione dettagliata sull’andamento del mercato immobiliare nel nostro Paese, a cura di esponenti dell’immobiliare italiana Remax di Pisa nonché un’illustrazione dei principali passaggi tecnico-giuridici propedeutici all’acquisto di immobili in Italia, a cura di tecnici italiani e di due legali di entrambe le provenienze.

2 3
Alessandro Bianchi di Remax Tower, Pisa L’Avvocato Robero Napoleoni

Le dimensioni e la persistenza della preferenza dei turisti danesi per le destinazioni italiane (3 milioni di presenze riguardanti quasi 1/8 della popolazione del Regno, secondo mercato di sbocco dopo la Spagna) sono ormai tali da poter essere considerate non solo un asse portante delle relazioni bilaterali, ma anche un’opportunità per accrescere e diversificare l’offerta turistica, con potenziali ricadute su altri settori contigui, come l’agroalimentare.

4 5
  Il pubblico del seminario

Il rilevante potenziale del bacino di turisti danesi potrebbe aprire ad un ampliamento della nostra offerta sia a livello tipologico-regionale (da attuale turismo lacustre/collinare ed incentrato soprattutto nelle regioni del Nord e del Centro ad un turismo dei piccoli centri e del patrimonio diffuso, esteso a regioni meridionali ed insulari) che a livello tematico, privilegiando ad esempio la promozione del turismo sportivo del golf e del turismo termale, del tutto sconosciuto in quanto tale al consumatore danese.