Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS

Data:

06/04/2021


AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS

AVVISO IMPORTANTE: QUI TUTTE LE INFO EMERGENZA COVID-19

(pagina aggiornata al 05 maggio 2021)

L’Ambasciata d’Italia in Danimarca è operativa e continua a gestire le richieste sia dalla Danimarca che dall’Italia. Considerando il rispetto delle direttive volte a prevenire il rischio di contagio, previste dal Ministero per la Pubblica Amministrazione http://www.funzionepubblica.gov.it/ e del Ministero della Salute e l’altissimo numero di richieste ricevute, si avvisa che potrebbero verificarsi ritardi nella trattazione delle comunicazioni ricevute. Ce ne scusiamo in anticipo e per questo motivo vi invitiamo a leggere molto attentamente tutte le istruzioni qui contenute che rispondono a molte delle richieste che riceviamo e a consultare costantemente il nostro sito web https://ambcopenaghen.esteri.it/ambasciata_copenaghen/it.

Vi ringraziamo per tutti i messaggi di supporto ed incoraggiamento che riceviamo quotidianamente. Ci incoraggiano a lavorare meglio, più serenamente, nella convizione di continuare a fare il nostro dovere.

--> Verso l'Italia ** Con l’entrata in vigore del DPCM 2 MARZO è stato confermato l’obbligo di presentazione al vettore all’imbarco di un test molecolare o antigenico negativo effettuato non oltre le 48 ore antecedenti all’ingresso nel Paese. Confermati inoltre gli obblighi di comunicazione immediata dell’ingresso nel Paese al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria di riferimento e di presentazione dell’autodichiarazione. Attenzione! Fino al 15 maggio, rimangono quindi in vigore l’Ordinanza 2 aprile 2021 2 aprile 2021 del Ministro della Salute, e l’Ordinanza 16 aprile 2021 del Ministro della Salute che dispongono di misure aggiuntive per coloro che, nei quattordici (14) giorni antecedenti all'ingresso in Italia, abbiano soggiornato o transitato in uno o più Stati e territori di cui all'elenco C (tra cui la Danimarca). E' fatto obbligo di sottoporsi, a prescindere dall'esito del test, alla sorveglianza sanitaria e a un periodo di cinque giorni di quarantena presso l'abitazione o la dimora indicata nella comunicazione all’ASL competente. Inoltre è obbligatorio effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena (per maggiori informazioni e modelli consultare il punto 2. ISTRUZIONI PER CHI VOLESSE RIENTRARE IN ITALIA.

Permane il regime differenziato tra le Regioni: ad ognuna viene assegnata una delle quattro fasce differenziate (bianco, giallo, arancione e rosso) a seconda del livello del contagio, che verrà monitorato ed aggiornato settimanalmente.

In particolare, la proroga riguarda:

  • l’applicazione nelle zone gialle delle misure della zona arancione;
  • l’estensione delle misure previste per la zona rossa in caso di particolare incidenza di contagi (superiori a 250 casi ogni 100 mila abitanti e nelle aree con circolazione delle varianti) sia con ordinanza del Ministro della salute che con provvedimento dei Presidenti delle Regioni;
  • la possibilità, nella zona arancione, di uno spostamento giornaliero verso una sola abitazione privata abitata in ambito comunale.

Si raccomanda dunque di verificare il colore della Regione di destinazione, attraverso i canali ufficiali www.iss.it e/o il rispettivo sito web, e di rispettare tutte le normative valevoli per la rispettiva fascia regionale. In caso di dubbi, per il rientro in Italia si raccomanda di contattare la Polizia di Frontiera, la Prefettura o l’Azienda Sanitaria competente per territorio.

Per spostamenti dall’Italia all’estero, si raccomanda di consultare la Scheda Paese di interesse sul sito di Viaggiare Sicuri dove si trova il questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

  --> Verso la Danimarca ** In seguito all’accordo politico raggiunto (QUI versione danese), è stato annunciato un piano di riapertura graduale ai viaggi all’estero.

La fase 1 entra in vigore da mercoledì 21 aprile. I Paesi e le regioni vengono categorizzati come gialli, arancioni e rossi a seconda del livello di contagio. Per tutti i cittadini provenienti da Paesi considerati gialli non è previsto l’obbligo di un “valido motivo” per fare ingresso in Danimarca. Sono, invece, sconsigliati tutti i viaggi non necessari se provenienti da un Paese UE, appartenente all’area Schengen o Paese Terzo identificato con colore rosso o arancione (QUI la lista aggiornata dei Paesi con divisione per categoria).

In questo momento l’Italia rientra tra i Paesi arancioni per cui è necessario avere un valido motivo per poter entrare nel Paese. In caso di solo transito in Danimarca vedere l’apposita sezione “Si può transitare attraverso la Danimarca?”.

Alcuni dei motivi validi previsti per i Paesi arancioni sono: lavoro, partecipazione a procedimenti giudiziari, visite mediche, trasporti di merci, motivi di studio e tirocinio. Sono altresì validi gli spostamenti di coniugi e figli di cittadini danesi residenti all’estero (se viaggiano assieme ai genitori), proprietari di case al mare o barche ormeggiate in Danimarca. In ogni caso, si ricorda che le Ambasciate possono solo fornire indicazioni di assistenza ma sono solamente le Autorità danesi di frontiera a decidere se una motivazione è ritenuta valida per garantire l’ingresso nei confini del proprio Paese. QUI si trovano le nuove misure temporanee con le limitazioni ai viaggi da e verso la Danimarca, e QUI l’elenco degli “scopi meritevoli”.

E’ obbligatorio presentare la prova di un test COVID-19 negativo (PCR o Antigenico sono entrambi accettati) sostenuto non prima delle 48 ore antecedenti alla partenza (boarding) se si arriva in aereo, macchina o nave dall’Italia o da qualsiasi altro Paese nel mondo, indipendentemente che sia giallo, arancione o rosso. È responsabilità delle compagnie aeree garantire che i passeggeri, insieme al biglietto aereo, abbiano un test negativo, al massimo di 48 ore. La regola sulla presentazione si applica anche ai cittadini danesi ed ai residenti in Danimarca che entrano in Danimarca via aereo. In caso di mancanza di presentazione di un risultato negativo del test Covid-19 c’è la possibilità di sanzioni pecuniarie e/o reclusione fino a due anni.
All’arrivo in Danimarca è obbligatorio effettuare un ulteriore test in aeroporto.

L’autoisolamento di 10 giorni è obbligatorio per tutti i cittadini che arrivano o rientrano in Danimarca da un Paese o regione considerato arancione o rosso. Se la persona dopo 4 giorni dall’arrivo si sottopone ad un test PCR (che risulta negativo), l’isolamento può concludersi anticipatamente al momento dell'esito negativo del test stesso. Verrà richiesto un test negativo anche alle persone in transito dalla Danimarca.

Non è previsto l’autoisolamento per tutti i cittadini che arrivano o rientrano in Danimarca da un Paese considerato giallo, né per coloro che viaggiano per motivi di lavoro o per i cittadini danesi che hanno soggiornato in una casa propria nelle aree remote dei Paesi Nordici.

Dal 1 maggio tutti i cittadini residenti in un paese UE / Schengen in possesso di una certificazione che attesta la piena vaccinazione, possono viaggiare a/da un Paese o regione giallo o arancione senza obbligo di test o isolamento al rientro/arrivo in Danimarca. In caso di viaggi a/da un Paese o regione rosso, seppur in possesso di una regolare certificazione vaccinale, permane l’obbligo di test e autoisolamento all’arrivo/rientro in Danimarca.

*tutte le informazioni e le eccezioni al provvedimento si trovano sul sito https://coronasmitte.dk/en/entry-into-denmark  e/o telefonare alla hotline delle Autorità danesi di frontiera al +45 70206044 disponibile nei giorni feriali dalle 8:00 alle 16:00.

Maggiori info al punto 4. INGRESSO E TRANSITO IN DANIMARCA.

--> Se ti trovi in Danimarca ** Possibilità di essere testati senza CPR o NemID. Maggiori info al punto 5. PER CHI SI TROVA NEL REGNO DI DANIMARCA

 

1. CONTATTI TELEFONICI

2. ISTRUZIONI PER CHI VOLESSE RIENTRARE IN ITALIA

3. VOLI E TRASPORTI

4. INGRESSO E TRANSITO IN DANIMARCA

5. PER CHI SI TROVA NEL REGNO DI DANIMARCA

6. IN CASO DI SINTOMI DA CORONAVIRUS

7. VALIDITÀ DOCUMENTI IN SCADENZA

8. ALTRO

 

1. CONTATTI TELEFONICI

Per venire incontro alle molte richieste, abbiamo esteso le ore di assistenza telefonica dedicate ai connazionali.

Dal lunedì al venerdì:
Dalle 9.00 alle 14.00 contattare il numero +45 39626877;
Dalle ore 16.00 alle ore 22.00 contattare il cellulare di emergenza +45 21804069.

Sabato, domenica e festivi:
Dalle ore 10:00 alle ore 21.00 contattare il cellulare di emergenza +45 21804069.

DATE LE CONDIZIONI ATTUALI, VI PREGHIAMO DI CHIAMARE SOLO QUALORA LA VS RICHIESTA NON SIA COMPRESA NELLE SEGUENTI ISTRUZIONI. GRAZIE!!!

2. ISTRUZIONI PER CHI VOLESSE RIENTRARE IN ITALIA

Consultare il sito di Viaggiare Sicuri e compilare il questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

Per chi rientra in Italia dalla Danimarca:

Fino al 15 maggio, gli spostamenti da/per l’estero sono disciplinati da: DPCM 2 marzo 2021, Ordinanza 2 aprile 2021, Ordinanza 16 aprile 2021 e Ordinanza 29 aprile 2021. La Danimarca, rimane nell’elenco C dell’Allegato 20 e sono previsti i seguenti obblighi:

A) Obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico, effettuato a mezzo di tampone e risultato negativo, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio italiano. In caso di mancata presentazione dell’attestazione relativa al test molecolare o antigenico prescritto, si è sottoposti a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria;

B) Obbligo di comunicare il proprio ingresso al dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio;

C) Obbligo di compilare un’autodichiarazione, da consegnare al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli.

D) Attenzione! In seguito all’estensione dell’ordinanza del Ministero della Salute, vengono prorogate fino al 15 maggio le misure previste dall'ordinanza del Ministro della Salute del 02 aprile 2021. Ferme restando le disposizioni di cui agli articoli 49, 50, 51 e 57, comma 2, del DPCM 2 marzo 2021, è fatto altresì obbligo di sottoporsi, a prescindere dall'esito del test, alla sorveglianza sanitaria e a un periodo di cinque giorni di quarantena presso l'abitazione o la dimora indicata nella comunicazione all’ASL competente. Inoltre è obbligatorio effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena.

Altre misure. Riprende il modello delle fasce di colore delle diverse Regioni le cui disposizioni si trovano nel sito web della Regione interessata. Per maggiori info consultare le DOMANDE FREQUENTI sulle misure adottate dal Governo.

Permane inoltre, tra le altre cose, la limitazione della circolazione dalle 22 alle 5 su tutto il territorio nazionale e la raccomandazione di non spostarsi se non per esigenze lavorative, di studio o per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Le aperture e modalità di attività di ristoranti e bar e altri pubblici esercizi assimilabili, così come per i negozi, dipenderà dal giorno e dal colore in cui si troverà la Regione in quel momento.

Limitate Eccezioni. A condizione che non insorgano sintomi compatibili con COVID-19 e fermi restando gli obblighi di autodichiarazione, le disposizioni relative all’obbligo presentazione di un tampone negativo e di quarantena NON si applicano:

a. a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza;

b. a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore;

d. a specifiche categorie lavorative elencate nel comma 7, articolo 51 del DPCM 2 MARZO

In caso di dubbi, per il rientro in Italia si raccomanda di contattare la Polizia di Frontiera, la Prefettura o l’Azienda Sanitaria competente per territorio.
Nel seguente link https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html si trovano le risposte alle domande frequenti relative a cittadini italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia.

Aiuta te stesso, la tua famiglia e il tuo Paese: È FORTEMENTE CONSIGLIATO scaricare l’APP gratuita IMMUNI (IMMUNI DOWNLOAD) creata per aiutarci a combattere l'epidemia di COVID-19.

Disposizioni in vigore:

  • Distanziamento sociale: si dovrà mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro, a meno che si viva nella stessa casa.
  • Obbligatorio l’utilizzo delle mascherine.
  • Divieto di assembramento.
  • Obbligo di restare a casa e avvertire il proprio medico per chi ha febbre sopra i 37.5 gradi e sintomatologie respiratorie.
  • Obbligo della quarantena per chi ha contatti con positivi.
  • Per le disposizioni delle Regioni, consultare il sito della Regione interessata.

QUI la situazione aggiornata sulla diffusione del Covid-19 in Italia suddivisa per Regione. La scheda è tratta e verrà aggiornata dai dati disponibili sul sito dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) ogni lunedì https://www.epicentro.iss.it/.

 3. VOLI E TRASPORTI

Si avvisano gli utenti che la Cancelleria Diplomatica e Consolare, non operando come un'agenzia di viaggi, non potrà dare alcun seguito alle richieste di conferma della partenza degli eventuali voli diretti tra Italia e Danimarca che dipendono solamente dalla compagnia aerea/tour operator di competenza a cui vi invitiamo di rivolgervi per capire l'operatività del volo.

In ogni caso, prima di intraprendere un viaggio aereo da Copenaghen consultare sempre le info sulle restrizioni all'ingresso in aeroporto a Copenaghen https://www.cph.dk/flyinformation/ e la programmazione dei voli in partenza/arrivo: PARTENZE/ARRIVI CPH oppure contattare il seguente numero di telefono dell’Aeroporto di Copenaghen che risponderà alle Vs richieste sui voli: +45 32313231. Si ricorda che dal 15 giugno 2020 è obbligatorio l’utilizzo della mascherina protettiva all’interno degli aeroporti e degli aeromobili.

Si sottolinea come sia necessario acquistare il biglietto aereo con destinazione finale in Italia prima di intraprendere il viaggio dalla Danimarca e di controllare il sito dell’aeroporto prescelto per l’eventuale scalo per verificare l’operatività del volo. Altre soluzioni potrebbero essere trovate utilizzando i siti delle compagnie aeree che stanno riaprendo le tratte per l'Italia. Si possono anche verificare i voli utilizzando questi motori di ricerca (si consiglia tuttavia di acquistare il biglietto sul sito della compagnia aerea per maggiore facilità di riprenotazione e rimborso):

https://www.skyscanner.net ; https://www.google.com/flights?hl=it ; https://www.gotogate.co.uk ; https://www.expedia.co.uk ; https://www.edreams.co.uk.

Se avevate prenotato un viaggio in questo periodo, si ricorda che l’Ambasciata ed il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione
Internazionale non intervengono sul significato che ciascun tour-operator attribuisce alle informazioni riportate sul sito e rimane estraneo a qualunque rapporto di natura privatistica, incluse le questioni attinenti alle norme che regolano i contratti di viaggio fra clienti e tour-operator/agenzie, o quelle relative alle coperture estese dalle compagnie assicurative a favore dei propri clienti. Dovrete rivolgervi alla Vs compagnia aerea per informazioni sul Vs volo e per ottenere una “ri-protezione” su tratte e/o date alternative.

4. INGRESSO E TRANSITO IN DANIMARCA

Le risposte del Ministero degli Affari Esteri della Danimarca e della Polizia nazionale danese alle domande frequenti riguardanti i viaggi verso la Danimarca si trovano al seguente link (in inglese): https://coronasmitte.dk/en/entry-into-denmark oppure contattando la hotline delle Autorità di frontiera: +45 70206044 disponibile nei giorni feriali dalle 8:00 alle 16:00.

In particolare, si può entrare in Danimarca?

In seguito all’accordo politico raggiunto (QUI versione danese), è stato annunciato un piano di riapertura graduale ai viaggi all’estero.

La fase 1 entra in vigore da mercoledì 21 aprile. I Paesi e le regioni vengono categorizzati come gialli, arancioni e rossi a seconda del livello di contagio. Per tutti i cittadini provenienti da Paesi considerati gialli non è previsto l’obbligo di un “valido motivo” per fare ingresso in Danimarca. Sono, invece, sconsigliati tutti i viaggi non necessari se provenienti da un Paese UE, appartenente all’area Schengen o Paese Terzo identificato con colore rosso o arancione (QUI la lista aggiornata dei Paesi con divisione per categoria).

In questo momento l’Italia rientra tra i Paesi arancioni per cui è necessario avere un valido motivo per poter entrare nel Paese. In caso di solo transito in Danimarca vedere l’apposita sezione “Si può transitare attraverso la Danimarca?”.

  • un valido motivo per entrare in Danimarca è richiesto per tutti i cittadini provenienti da Paesi o regioni considerati arancioni o rossi. Alcuni dei motivi validi previsti sono: lavoro, partecipazione a procedimenti giudiziari, visite mediche, trasporti di merci, motivi di studio e tirocinio. Sono altresì validi gli spostamenti di coniugi e figli di cittadini danesi residenti all’estero (se viaggiano assieme ai genitori), proprietari di case al mare o barche ormeggiate in Danimarca. Maggiori info su https://en.coronasmitte.dk/rules-and-regulations/entry-into-denmark/persons-resident-in-countries-outside-of-denmark . In ogni caso, si ricorda che le Ambasciate possono solo fornire indicazioni di assistenza ma sono solamente le Autorità danesi di frontiera a decidere se una motivazione è ritenuta valida per garantire l’ingresso nei confini del proprio Paese;
  • per chi viaggia in Danimarca è necessaria la prova di un test COVID-19 negativo (PCR o Antigenico sono entrambi accettati) sostenuto non prima delle 48 ore antecedenti alla partenza (boarding). È responsabilità delle compagnie aeree garantire che i passeggeri, insieme al biglietto aereo, abbiano un test negativo, al massimo di 48 ore. La regola sulla presentazione si applica anche ai cittadini danesi ed ai residenti in Danimarca per gli ingressi via aereo. In caso di mancanza di presentazione di un risultato negativo del test Covid-19 c’è la possibilità di sanzioni pecuniarie e/o reclusione fino a due anni.
  • All’arrivo in Danimarca è obbligatorio effettuare un ulteriore test in aeroporto. L’autoisolamento fiduciario è obbligatorio per tutti i cittadini che arrivano o rientrano in Danimarca da un Paese o regione considerato arancione o rosso. Se la persona dopo 4 giorni dall’arrivo si sottopone ad un test PCR (che risulta negativo), l’isolamento può concludersi anticipatamente al momento dell'esito negativo del test stesso. Non è previsto l’autoisolamento per tutti i cittadini che arrivano o rientrano in Danimarca da un Paese considerato giallo, né per coloro che viaggiano per motivi di lavoro o per i cittadini danesi che hanno soggiornato in una casa propria nelle aree remote dei Paesi Nordici.

Dal 1 maggio tutti i cittadini residenti in un Paese UE / Schengen in possesso di una certificazione che attesta la piena vaccinazione, possono viaggiare a/da un Paese o regione giallo o arancione senza obbligo di test o isolamento al rientro/arrivo in Danimarca. In caso di viaggi a/da un Paese o regione rosso, seppur in possesso di una regolare certificazione vaccinale, permane l’obbligo di test e autoisolamento all’arrivo/rientro in Danimarca.

QUI si trovano le nuove misure temporanee con le limitazioni ai viaggi da e verso la Danimarca, e QUI l’elenco degli “scopi meritevoli”

*tutte le informazioni e le eccezioni al provvedimento si trovano sul sito https://coronasmitte.dk/en/entry-into-denmark e/o telefonare alla hotline delle Autorità danesi di frontiera al +45 70206044 disponibile nei giorni feriali dalle 8:00 alle 16:00.

Prima di intraprendere il viaggio, i viaggiatori sono invitati a tenersi informati consultando il sito https://en.coronasmitte.dk/rules-and-regulations, https://um.dk/en/travel-and-residence/coronavirus-covid-19/ e https://um.dk/en/ in cui, ogni giovedì verso le ore 16, viene pubblicata la lista aggiornata dei Paesi il cui accesso è garantito in Danimarca. All’arrivo in Danimarca, è FORTEMENTE CONSIGLIATO scaricare l'APP gratuita SMITTESTOP (la versione danese di IMMUNI - DOWNLOAD SMITTESTOP) ed è doveroso rispettare le LINEE GUIDA GENERALI previste per un comportamento responsabile per contenere il contagio.

Si può transitare attraverso la Danimarca ?

È possibile transitare attraverso la Danimarca per turismo o uno scopo degno al di fuori della Danimarca. Il transito deve avvenire nel minor tempo possibile, ed è permesso indipendentemente dal luogo di residenza abituale e dal mezzo di trasporto utilizzato. Per la documentazione necessaria consultare: https://en.coronasmitte.dk/rules-and-regulations/entry-into-denmark/persons-in-transit.

- Se viaggi verso le Isole Faroe

Consulta https://www.government.fo/. Per le Isole Faroe si applicano le medesime indicazioni della Danimarca per l'entrata nel Paese. Ulteriori info al link https://corona.fo/?_l=en

 - Se viaggi verso la Groenlandia

Consulta https://visitgreenland.com/articles/corona-virus-status/ per vedere gli ultimi aggiornamenti sui requisiti di ingresso, quarantena e testing. Altre info (presentazione di test negativo per certe zone del territorio ed altro su https://um.dk/en/travel-and-residence/coronavirus-covid-19/. Le persone in possesso di passaporto o di residenza permanente in Danimarca, Isole Faroe, Germania, Islanda e Norvegia sono autorizzate a recarsi in Groenlandia a partire dal 15 giugno 2020. I viaggiatori possono transitare in Danimarca per raggiungere la Groenlandia.

5. PER CHI SI TROVA NEL REGNO DI DANIMARCA

Si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni delle Autorità Sanitarie Danesi reperibili nel sito https://www.sst.dk/en/English.

Nell’ambito delle misure restrittive antipandemia, dal 21 aprile si segnalano il divieto di assembramento superiore alle 10 persone all’interno (ad eccezione di asili e posti di lavoro) e di 50 persone all’aperto, il distanziamento sociale di 2 metri e l’utilizzo obbligatorio della mascherina negli spazi pubblici al chiuso e nei mezzi di trasporto (treni, bus, taxi, traghetti, etc,). A partire dal 21 aprile riaprono i ristoranti anche per il servizio all’interno fino alle ore 22:00, con prenotazione del tavolo ed esibizione di un test Covid (PCR o antigenico) negativo, effettuato non oltre le 72h precedenti all’ingresso. Dal 6 maggio il divieto di assembramento verrà innalzato a 25 persone all'interno ed a 75 persone all'aperto. Dal 21 maggio sarà possibile essere fino a 50 persone all’interno e 100 persone all’aperto. Dall’11 giugno il tetto sarà di 100 persone all’interno e nessun limite per l’esterno.

NB: Le misure sono indicative e possono essere soggette a cambiamenti da parte delle competenti autorità danesi.

Prestare particolare attenzione ai sintomi di COVID-19.

Aggiornamento 3 marzo 2021: E’ ora possibile per tutte le persone (residenti o visitatori) sprovviste del Numero di identificazione danese (CPR) o NemID essere testati presso ogni Test Centre in Danimarca senza appuntamento e ricevere un certificato con l’esito. Per farlo, bisogna creare un profilo su Covidresults.dk secondo le modalità QUI DESCRITTE.

6. IN CASO DI SINTOMI DA CORONAVIRUS

Se pensi di aver contratto il coronavirus e si manifestano i sintomi (febbre, tosse, mal di gola, difficoltà respiratorie ed. al.), le Autorità sanitarie danesi sottolineano la necessità per i cittadini di contattare TELEFONICAMENTE il medico di famiglia o il Medical Helpline al 1813, onde evitare il rischio di diffusione del contagio nelle cliniche e sale d’attesa. In casi di emergenza occorre contattare direttamente il 112.

7. VALIDITÀ DOCUMENTI IN SCADENZA

Sono state prorogate le scadenze di alcuni atti amministrativi e documenti d’identità:
• La validità dei documenti di riconoscimento e identità scaduti è stata ulteriormente prorogata al 30 settembre 2021Le carte di identità, digitali o cartacee, scadute dopo il 31 gennaio 2020, sono prorogate al 30 settembre 2021 ai soli fini di identificazione personale e non quale documento di viaggio per varcare le frontiere.
• I passaporti scaduti o in scadenza dopo la data di entrata in vigore del DL Cura Italia sono prorogate al 30 settembre 2021 ai soli fini di identificazione personale e non quale documento di viaggio per varcare le frontiere.
Patenti:

Le nuove scadenze per circolare in Italia con le patenti scadute sono:

  • tra il 31 gennaio 2020 e 29 dicembre 2020 la licenza è valida fino al 29 ottobre 2021 (90 giorni dopo la fine della cessazione dello stato di emergenza);
  • tra il 30 dicembre 2020 e 30 giugno 2021 fino a 10 mesi dopo la scadenza;
  • tra il 1° e il 31 luglio 2021 fino al 29 ottobre 2021.

Per circolare negli altri Paesi membri dell’UE, come da circolare del MIT del 27 aprile, le patenti di guida rilasciate in Italia, con scadenza:

  • tra il 1° febbraio 2020 e 31 maggio 2020 sono valide fino a 13 mesi dopo la scadenza originaria;
  • tra il 1° giugno 2020 e 31 agosto 2020 sono valide fino al 1° luglio 2021;
  • tra il 1° settembre 2020 e 30 giugno 2021 sono valide fino 10 mesi dopo la scadenza normale.

8. ALTRO

Siete invitati a tenervi aggiornati anche tramite i seguenti link:
• Presidenza del Consiglio dei Ministri, rubrica "Coronavirus, le misure adottate dal Governo", al link: http://www.governo.it/it/.
• Ministero dell'Interno, sezione "Speciale Coronavirus", al link https://www.interno.gov.it/it/speciali/coronavirus 
• Ministero della Salute, sezione "Nuovo coronavirus", al link http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus 
• Dipartimento della Protezione Civile, sezione "Emergenza coronavirus", al link: http://www.protezionecivile.gov.it/attivita-rischi/rischio-sanitario/emergenze/coronavirus 
ViaggiareSicuri
Ministero degli Esteri danese
Sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità - OMS
• Proiezione in tempo reale del virus a livello globale QUI.

Avanzamento del piano vaccinale in Italia e nel mondo. QUI.

 

 


GRAZIE DELLA VOSTRA PREZIOSA COLLABORAZIONE


Seguici su Instagram @ItalyinDK


1040