Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS

Data:

03/02/2022


AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS

AVVISO IMPORTANTE: QUI TUTTE LE INFO EMERGENZA COVID-19

(pagina aggiornata al 3 febbraio 2022)

 

1. PER ENTRARE IN ITALIA

2. PER ENTRARE IN DANIMARCA

3. PER CHI SI TROVA NEL REGNO DI DANIMARCA

4. ALTRO

1. PER ENTRARE IN ITALIA

Consultare il sito di Viaggiare Sicuri e compilare il questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

E’ inoltre necessario attenersi alle seguenti disposizioni:

a) Chi fa ingresso in Italia, è tenuto a compilare il “digital Passenger Locator Form" (dPLF) dal sito https://app.euplf.eu/#/ 

Maggiori informazioni sono reperbili al seguente link: https://www.esteri.it/it/ministero/normativaonline/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia/).

Si prega di seguire la procedura guidata, scegliendo “Italia” come Paese di destinazione e creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta). Questo vale per chiunque entri in Italia, indipendentemente dal tempo di permanenza e dal mezzo di trasporto utilizzato, dalla Danimarca (e da tutti gli altri Stati o territori esteri di cui agli elenchi B, C, D ed E dell'allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021 prima del proprio ingresso nel territorio nazionale. Una volta inviato il modulo, si riceverà all'indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione il dPLF in formato pdf e il QRcode che si dovrà mostrare direttamente dallo smartphone al momento dell’imbarco o a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli di frontiera. In alternativa, il passeggero potrà stampare una copia del dPLF da mostrare all’imbarco o alla frontiera.

b) Presentare la certificazione verde Covid-19 rilasciata o riconosciuta ai sensi dell'articolo 9, comma 2, lett. c), del decreto legge 22 aprile 2021, n. 52, variabile a seconda dei paesi di provenienza, da cui risulti:

1. avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, con attestazione del completamento del prescritto ciclo vaccinale da almeno 14 giorni (a decorrere dall’1 febbraio 2022 la validità del certificato vaccinale é di 180 giorni dalla data di effettuazione dell’ultima dose);

2. avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell'isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2 (necessaria prova di positività, valida dal 14° giorno successivo alla sua emissione fino al 180° giorno- 6 mesi);

3. effettuazione con esito negativo di test molecolare oppure antigenico rapido al virus SARS-CoV-2.

Con ordinanza del Ministro della salute datata 27 gennaio 2022, é stato altresì disposto che che dall’1 febbraio 2022 coloro che provengono da un paese UE (e quindi anche dalla Danimarca) possono entrare in Italia (a patto che non si abbia soggiornato o transitato in uno dei paesi in elenco E) disponendo della sola certificazione verde “green pass” (per vaccicnazione, guarigione o test negativo). Pertanto le persone vaccinate o guarite, provenienti dalla Danimarca, non saranno più tenute ad esibire un test anti-covid negativo effettuato prima della partenza. Per i non vaccinati, resta invece l’obbligo di esibire un test anti-covid negativo effettuato prima della partenza (entro le 72 ore precedenti all’arrivo in Italia in caso di PCR, ed entro le 48 ore precedenti in caso di test antigenico). Resta fermo l’obbligo di esibire il Passegner Locator Form. Tali disposizioni resteranno in vigore fino al 15 marzo 2022. Il testo dell’ordinanza é consultabile sul sito del Ministero della salute https://www.salute.gov.it 

In caso di avvenuto ingresso in Italia senza aver osservato le previsioni di cui sopra, é necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario per 5 giorni mpresso l’indirizzo indicato nel PLF, e sottoposri ad un test molecolare o antigenico alla fine dei detto periodo.

Per coloro che provengono da uno dei paesi inseriti nell’elenco D dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021, é prescritto l’isolamento fiduciario obbligatorio nel caso in cui coloro che fanno ingresso in Italia non presentano contestualmente sia il certificato di vaccinazone che il tampone negativo (nelle 72 ore precedenti l’ingresso in caso di test molecolare, o nelle 24 ore precedenti in caso di antigenico rapido). L’isolamento fiduciario ha durata di 5 giorni e deve essere osservato presso l’indirizzo indicato nel Passenger Locator Form;

Coloro che provengono da uno dei paesi inseriti nell’elenco E dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021, dovranno sottoporsi ad isolamento fiduciario presso l’indirizzo indicato nel Passenger Locator Form per 10 giorni e, al termine di tale periodo, sono tenuti ad effettuare un ulteriroe tampone molecolare o antigenico. Essi dovraannno altresì comunicare imemdiatamente il prorpio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio. Da tali paesi non é possibile entrare in Italia per motivi di turismo.

I certificati stranieri sono riconosciuti in automatico, purché redatti in italiano, inglese, francese o spagnolo.

I minori di anni 6 non devono fare il tampone in alcun caso; sono anche esentati da quarantena se viaggiano con genitore/accompagnatore con certificato verde.

Il DPCM del 21 gennaio 2022 prevede che dall’1 febbraio 2022, la certificazione verde COVID-19 (green pass) NON é richiesta sul territorio nazionale italiano esclusivamente per le seguenti necessità:

- esigenze alimentari e di prima necessità (negozi alimentari, anche “non specializzati”, ipermercati, supermercati e “discount”);

- esigenze di salute (acquisto di farmaci e dispositivi medici, accesso alle strutture sanitarie e socio-sanitarie);

- esigenze di sicurezza (accesso agli uffici aperti al pubblico delle Forze di polizia e delle polizie locali);

- esigenze di giustizia (accesso agli uffici giudiziari e ai servizi socio-sanitari per la presentazione di denunce).

Il “green pass” sarà ad esempio necessario per negozi che vendono abbligliamento e cosmetici, offrono servizi alla persona (es. parrucchieri, centri estetici), vendono giornali al loro interno (con eccezione dei c.d. chioschi). Il “green pass” é anche obbligtorio per entrare nelle cartolerie e librerie, nei tabaccai e negli uffici pubblic (compresi quelli postali e dell’INPS). Il testo del DPCM del 21 gennaio 2002 è consultabile sul seguente sito: https://www.salute.gov.it 

2. PER ENTRARE IN DANIMARCA

Dall’1 febbraio 2022 sono entrate in vigore nuove disposizioni concernenti il regime di ingresso in Danimarca a causa dell’emergenza covid-19. Se ne riassumono le principali:

  • chi é in possesso di un certificato di vaccinazione (sempreché il vaccino sia riconosciuto dal governo danese) o di avvenuta guarigione potrà fare ingresso in Danimarca senza alcuna restrizione a prescindere dal paese di provenienza. In particolare non sarà più necessario esibire un test anti-covid negativo effettuato prima della partenza ovvero sottoporsi ad un test anticovid nelle 24 ore sucecssive all’arrivo (possibilità quest’ultima riservata in precedenza ai cittadini danesi o stranieri residenti in Danimarca);
  • chi proviene dai paesi UE/Schengen e non é possesso di un certificato di vaccinazione o avvenuta guarigione, dovrà sottoporsi ad un test anti-covid nelle 24 ore successive all’ingresso in Danimarca, a meno che non sia in grado di esibire un test anti-covid negativo effettuato prima della partenza (nelle 48 ore precedenti l’ingresso per test antigenico o nelle 72 ore precedenti per test PCR);
  • chi proviene da paesi situati al di fuori dell’UE/Schengen e non é possesso di un certificato di vaccinazione o avvenuta guarigione, dovrà preliminarmente verificare se proviene da un paese classificato come “COVID-19 risk country” (attualmente 13: Bahrain, Cile, Colombia, Indonesia, Kuwait, Nuova Zelanda, Peru, Qatar, Rwanda, Arabia Saudita, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti e Uruguay, oltre a Taiwan ed ai Territori di Hong Kong e Macau) o come “COVID-19 high risk country” (resto del mondo). Chi proviene da un “COVID-19 risk country” dovrà sottoporsi ad un test anti-covid nelle 24 ore sucecssive all’ingresso; chi proviene invece da un “COVID-19 high risk country”, oltre a sottoporsi ad un test anti-covid successivo al’ingresso, sarà tenuto ad osservare un periodo di isolamento dopo l’arrivo nel paese.
  • la lista dei vaccini riconosciuti dal governo danese – e considerati validi ai fini dell’ingresso in Danimarca - viene allargata e ricomprende anche i seguenti vaccini: Covishield; Covaxin, Sinovac e Sinopherm. Questi sono stati approvati dall’OMS per l’uso in situazioni di emergenza e vanno ad aggiungersi ai 5 vaccini in precedenza approvati dall’UE sulla base delle raccomandazioni dell’EMA.

Ulteriori informazioni ed eccezioni si trovano sul sito https://coronasmitte.dk/en/entry-into-denmark .
Inoltre è a disposizione una hotline delle Autorità danesi di frontiera al +45 7020 6044 disponibile nei giorni lavorativi dal lunedì al mercoledì dalle 8:00 alle 16:00 (il giovedì fino alle ore 15:00 ed il venerdì fino alle ore 14:00).

- Se viaggi verso le Isole Faroe

Consulta https://www.government.fo/. Per le Isole Faroe si applicano le medesime indicazioni della Danimarca per l'entrata nel Paese. Ulteriori info al link https://corona.fo/?_l=en.

- Se viaggi verso la Groenlandia

Consulta https://visitgreenland.com/articles/corona-virus-status/ per vedere gli ultimi aggiornamenti sui requisiti di ingresso, quarantena e testing. Altre info (presentazione di test negativo per certe zone del territorio ed altro) su https://um.dk/en/travel-and-residence/coronavirus-covid-19/. Le persone in possesso di passaporto o di residenza permanente in Danimarca, Isole Faroe, Germania, Islanda e Norvegia sono autorizzate a recarsi in Groenlandia a partire dal 15 giugno 2020. I viaggiatori possono transitare in Danimarca per raggiungere la Groenlandia.

3. PER CHI SI TROVA NEL REGNO DI DANIMARCA

Si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni delle Autorità Sanitarie Danesi reperibili nel sito https://www.sst.dk/en/English.

Con decorrenza dall’1 febbraio 2022 il governo danese ha disposto la quasi totale revoca della gran parte delle restrizioni alla vita sociale in precedenza adottate, accogliendo le raccomandazioni del Comitato sulle Epidemie secondo il quale il covid-19 non é più da considerare come “malattia socialmente critica”. Ciò ha fatto venire meno la base legale per le limitazioni delle libertà personali in precedenza disposte.

Pertanto a partire dall’1 febbraio 2022, decadono le restrizioni nel campo della ristorazione, nella vita socio-culturale, nello svolgimento dei grandi eventi e non é più obbligatorio portare le mascherine al chiuso. Resta in vigore il solo obbligo di indossare la mascherina ed esibire il “coronapass” per i visitatori in ambito sanitario e nelle residenze per anziani.

Se pensi di aver contratto il coronavirus e si manifestano i sintomi (febbre, tosse, mal di gola, difficoltà respiratorie ed. al.), le Autorità sanitarie danesi sottolineano la necessità per i cittadini di contattare TELEFONICAMENTE il medico di famiglia o il Medical Helpline al 1813, onde evitare il rischio di diffusione del contagio nelle cliniche e sale d’attesa. In casi di emergenza occorre contattare direttamente il 112.

Si riportano di seguito i riferimenti delle principali strutture di Copenaghen dove poter effettuare test rapidi antigenici a titolo gratuito e senza prenotazione.

Per maggiori info e l’elenco completo dei centri per i test rapidi nella Regione della Capitale si può chiamare la hotline +4570404242 o visitare: https://www.cphmed.com/b2c-home-english/covid19-quick-test-centres/?lang=en 

Per maggiori info sui test center e centri vaccinali su tutto il territorio danese, si suggerisce di visitare il sito delle Autorità danesi https://en.coronasmitte.dk/ 

  • København, Rådhuspladsen -Indirizzo: Rådhuspladsen 14, København 1550. Orario: 08.00-22.00 (weekend: 10.00-20.00)
  • København, Frue Plads - Frue Plads, København 1168. Orario:08.00-22.00 (weekend: 10.00-20.00)
  • Forum, Frederiksberg - Julius Thomsens Pl. 1, Frederiksberg 1925. Orario: 08.00-21.00
  • Ofelia Plads - Kvæsthusbroen, København 1250. Orario: 08.00-21.00
  • Fælledparken - Øster Allé 37, København Ø 2100. Orario: 08.00-21.00
  • København, Fields (al 2. piano) - Arne Jacobsens Allé 12, København 2300. Orario: 09.00-20.00

Infine presso il Terminal 2 dell’Aeroporto di Copenaghen il Falck Test Center: https://www.cph.dk/en/practical/covid19/covid-19-testing-airport effettua test molecolari, antigenici e sierologici a pagamento.

4. ALTRO

Siete invitati a tenervi aggiornati anche tramite i seguenti link:


GRAZIE DELLA VOSTRA PREZIOSA COLLABORAZIONE


Seguici su Instagram @ItalyinDK


1040