Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

ASSISTENZA AI CONNAZIONALI – RIENTRO E SITUAZIONE VOLI

Data:

11/03/2020


ASSISTENZA AI CONNAZIONALI – RIENTRO E SITUAZIONE VOLI

***NB: Attualmente i voli con scalo verso l’Italia risultano operativi nel mese di aprile quale, ad esempio, il volo speciale Lufthansa via Francoforte con destinazione Roma o Milano (maggiori info al punto 3 - voli e trasporti).
INVITIAMO I CITTADINI ITALIANI - CHE SI TROVANO NELLE SITUAZIONI PREVISTE DALLA NORMATIVA VIGENTE (VEDI PUNTO 2) ED HANNO URGENTE NECESSITA’ DI TORNARE IN ITALIA - A PRENOTARE SOLLECITAMENTE IL PROPRIO VOLO.***

 

1. TASK FORCE

Per venire incontro alle molte richieste, abbiamo attivato una task force telefonica, sempre attiva dalle 8.30 alle 22 al numero di cellulare +45 21804069.
DATE LE CONDIZIONI ATTUALI, VI PREGHIAMO DI CHIAMARE QUESTI NUMERI SOLO QUALORA LA VS RICHIESTA NON SIA COMPRESA NELLE SEGUENTI ISTRUZIONI. GRAZIE!!!

 

2. IMPORTANTE: ISTRUZIONI PER CHI VOLESSE RIENTRARE IN ITALIA

Nel seguente link https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html si trovano le risposte alle domande frequenti relative a cittadini italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia.

  • Sono un cittadino italiano all'estero o uno straniero residente in Italia, posso rientrare in Italia?

Sì, se il rientro è un'urgenza assoluta. È quindi, per esempio, consentito il rientro dei cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia che si trovano all'estero in via temporanea (per turismo, affari o altro). E' ugualmente consentito il rientro in Italia dei cittadini italiani costretti a LASCIARE DEFINITIVAMENTE la Danimarca (perché, ad esempio, sono stati licenziati, hanno perso la casa, il loro corso di studi è stato definitivamente interrotto). Una volta entrati nel territorio nazionale, gli interessati dovranno raggiungere la propria casa nel minore tempo possibile. Le circostanze di assoluta urgenza, lavoro o salute devono essere autocertificate.

Sarò soggetto a controlli e sanzioni? In questa prospettiva, coloro che intraprendono spostamenti verso luoghi lontani dal loro luogo di stabile dimora (come, per esempio, viaggi in Italia di cittadini italiani stabilmente residenti all'estero, o di stranieri parimenti residenti all'estero) devono essere pronti a dimostrare in modo particolarmente circostanziato l'effettiva necessita' ed indifferibilita' del loro viaggio. Al riguardo, sono fondamentali le autocertificazioni che i diretti interessati, italiani e stranieri, devono presentare per qualsiasi spostamento, a cominciare dalla partenza per il nostro Paese (ad esempio all'imbarco in aereo), successivamente alle autorita' di frontiera e, via via, in ognuno dei numerosi controlli effettuati dalle forze dell'ordine sul territorio nazionale. Le autocertificazioni sono oggetto di controlli incrociati e, laddove risultassero false o incongruenti, possono portare a sanzioni amministrative pecuniarie o, in certi casi, anche penali.

In caso di iscritti AIRE dunque che non si trovino nelle condizioni previste sopra si consiglia caldamente di NON viaggiare in Italia per diminuire il rischio di contagio e perchè sono previsti controlli e sanzioni (che ora vanno dai 400 ai 3.000 euro). Le forze dell'ordine a presidio degli aereoporti interpreteranno come rientro legittimo solo quello motivato da "urgente necessità": per chi non ha casa, né lavoro, né sostegno all'estero. I casi di generica preoccupazione NON sono inclusi nei validi motivi. In ogni caso, chiunque entri in Italia, oltre a dover dimostrare le ragioni stringenti che hanno giustificato il viaggio, deve programmare i propri spostamenti nel territorio nazionale tenendo conto delle limitazioni imposte per limitare il contagio, nonche' degli obblighi di quarantena e di segnalazione alle autorita' sanitarie per chi entra nel nostro Paese dall'estero.

 OBBLIGHI per chi rientra in Italia dall’estero:

a) SCARICARE E COMPILARE il seguente MODELLO di autocertificazione sui motivi del viaggio da consegnare al vettore, ricordando che chi arriva nel territorio italiano dall'estero non può prendere mezzi di trasporto pubblici per raggiungere la località di isolamento ma deve utilizzare solo mezzi di trasporto privati o propri (quindi o qualcuno viene a prenderlo all'aeroporto, porto o stazione oppure l'interessato noleggia una macchina o, nei limiti in cui e' consentito, prende un taxi o un'auto a noleggio con conducente).

b) SCARICARE E COMPILARE il NUOVO MODELLO 26.03.2020 di autodichiarazione per gli spostamenti in Italia (versione aggiornata) per poter circolare e raggiungere la vostra destinazione in Italia;

c) COMUNICARE al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria locale il proprio ingresso in Italia per avviare la Sorveglianza sanitaria e all’Isolamento fiduciario nella propria abitazione per 14 giorni. Qui trovate i numeri dedicati da chiamare per Regione di appartenenza. http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5364&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto

d) AUTOISOLAMENTO per i 14 giorni successivi al ritorno, per tutte le persone che rientrano, anche se asintomatiche rispetto al Covid-19. (qui la copia dell'Ordinanza che specifica tutte le condizioni http://www.mit.gov.it/sites/default/files/media/notizia/2020-03/DM_120_2020.pdf). Qui la versione dell'Ordinanza aggiornata al 28 marzo 2020 http://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/covid-19-novita-ordinanza-del-ministro-della-salute-di-concerto-con-il-ministro-delle-infrastrutture-e-dei-trasporti-28-03-2020.html L'isolamento puo' essere trascorso anche in un luogo diverso dalla propria abitazione, scelto dall'interessato. Se qualcuno, arrivando in Italia, non ha luogo dove passare quarantena o non riesce a raggiungerlo (non possono venirlo a prendere, non trova stanza d'albergo che lo accolga...), allora deve trascorrere il
periodo di isolamento in luogo deciso dalla Protezione civile, con spese a carico dell'interessato.

e) LEGGERE ATTENTAMENTE il Decreto Legge 25 marzo 2020, n. 19 - Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/03/25/20G00035/sg entrato in vigore nel territorio italiano il 26 marzo 2020. Con il Decreto legge 25 marzo n. 19 si dispone la limitazione della circolazione delle persone, anche prevedendo limitazioni alla possibilità di allontanarsi dalla propria residenza, domicilio o dimora se non per spostamenti individuali limitati nel tempo e nello spazio o motivati da esigenze lavorative, da situazioni di necessità o urgenza, da motivi di salute o da altre specifiche ragioni.

Ingressi temporanei

Chi entra in Italia per lavoro puo' ancora utilizzare la possibilita' di rimandare l'inizio della quarantena di 72 ore (prolungabili per altre 48), nei limiti in cui cio' sia assolutamente necessario. Con l’entrata in vigore del decreto MIT-Salute n. 145 del 3 aprile u.s., DECRETO NR. 145 DEL 3 APRILE 2020.pdf sono prorogati al 13 aprile tutti i provvedimenti in materia di limitazioni di utilizzo dei mezzi di trasporto. Il testo contiene l’adattamento dei decreti precedenti alle intese raggiunte, delle quali si è già riferito, e alle disposizioni generali del decreto del 28 marzo sugli ingressi dall’estero. Le modifiche introdotte riguardano quindi essenzialmente gli ingressi temporanei, di cui le principali fattispecie sono:

  • per lavoro (ipotesi già contemplata in precedenza: resta il limite delle 72+48 ore, al termine delle quali o si lascia il Paese o si va in quarantena);
  • per transito con mezzo proprio verso il proprio Paese (persone che, via Italia, rientrano da uno Stato estero al proprio Stato estero di residenza): rispetto alle intese di cui si è dato già conto si precisa la durata massima della permanenza in italia (24+12 ore) - questa è la principale novità sostanziale del decreto;
  • per transito aeroportuale verso una località italiana o estera (a condizione di non lasciare l’aeroporto)
  • crocieristi

Sono esclusi da queste regole: lavoratori transfrontalieri, personale sanitario, equipaggi di trasporto passeggeri e merci.

 

3. VOLI E TRASPORTI

Alla luce del decreto DPCM 22 marzo e del Decreto legge 25 marzo 2020, n.19 è assolutamente sconsigliato per tutti rientrare in Italia se non per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Sono assolutamente da evitare gli ingressi per motivi di turismo.


A seguito dell’adozione del DPCM 9 marzo 2020, molte compagnie aeree e/o Paesi hanno sospeso i voli da/per gli aeroporti italiani. Dalla Danimarca non ci sono più voli diretti verso l’Italia. TUTTAVIA È ANCORA POSSIBILE, PER IL MOMENTO, RIENTRARE IN ITALIA CON VOLI CON SCALO.

In ogni caso, prima di intraprendere un viaggio aereo da Copenaghen consultare sempre le info sulle restrizioni all'ingresso in aeroporto a Copenaghen https://www.cph.dk/flyinformation/indrejserestriktioner-i-lufthavnen e la programmazione dei voli in partenza/arrivo:
https://www.cph.dk/en/flight-information/departures?q=italy&date=12%20-%2003%20-%202020&time=00 Oppure contattare il seguente numero di telefono dell’Aereoporto che risponderà alle Vs richieste sui voli: +45 32313231

Si sottolinea come sia necessario acquistare il biglietto aereo con destinazione finale in Italia (dunque con scalo!) prima di intraprendere il viaggio dalla Danimarca e di controllare il sito dell’aereoporto prescelto per lo scalo per verificare l’operatività del volo (in questo momento ad esempio sono operativi ed attivi i voli speciali per l’Italia (Roma Fiumicino FCO e/o Milano Malpensa MPX) con la Germania- Francoforte con Lufthansa https://www.lufthansa.com/it/it/homepage, che molti connazionali hanno già scelto da inizio marzo).

Altre soluzioni potrebbero essere trovate utilizzando i migliori motori di ricerca voli del 2020 (trovando i collegamenti aerei con SCALO e verificando prima con gli aereoporti interessati):

https://www.skyscanner.net; https://www.google.com/flights?hl=it;  https://www.gotogate.co.uk;  https://www.expedia.co.uk; https://www.edreams.co.uk


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
ESEMPIO: Mi chiamo Marco, sono uno Studente Erasmus italiano che vuole rientrare a Frosinone da Copenaghen perchè hanno chiuso l’Università. Voglio partire al più presto perchè il Consolato mi ha consigliato la massima celerità. Mi attivo subito. Mi chiedo innanzittutto: posso rientrare? Si, in quanto non AIRE, ho la residenza in Italia e questo si qualifica come condizione di urgenza. So per certo che mi aspetta la quarantena che è valida per tutti anche in assenza di qualsiasi sintomo. Per fortuna io sto bene ma potrei essere un soggetto asintomatico quindi per partire rispetterò tutti i protocolli esistenti su social distancing, igiene mani, mascherina, etc come previsti dal Ministero della Salute che ho reperito qui grazie alla risposta automatica. Una volta in Italia comunicherò subito al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria di Frosinone il mio arrivo e non mi muoverò MAI dalla mia abitazione per 14 giorni perchè non voglio mettere in pericolo nessuno e non voglio avere nessuna denuncia o sanzione amministrativa (anche 3.000 euro!). Ok, ora che ho tutte queste utili informazioni, provo ad organizzare il mio rientro. Come primo passo:
a) Verifico: https://www.cph.dk/en/flight-information/departures?q=frankfurt&date=27 - 03 - 2020&time=00 e trovo il Volo LH825 Lufthansa: Copenaghen - Francoforte, Germania 20 aprile ore 10:30 che è operativo. (Vedo sul sito Lufthansa che lo stesso volo opera anche il 21 ed il 22 aprile ad esempio ma è meglio NON aspettare!) OK ! Procedo al secondo passo.
b) Verifico: https://www.frankfurt-airport.com/en/transfer-at-frankfurt-airport/flights.html
e trovo che il volo LH232 Lufthansa: Francoforte, Germania – Roma Fiumicino, 20 aprile ore 14:45 è operativo. OK! Vado sul sito Lufhtansa https://www.lufthansa.com/it/it/homepage e acquisto entrambi i voli altrimenti so che potrei rimanere bloccato in Germania
e questo sarebbe un problema grave. Ora che ho ricevuto la conferma del pagamento, procedo subito a compilare entrambi i modelli di autodichiarazione giustificativa dello spostamento dall’estero (da consegnare al vettore) e il modello di autodichiarazione per gli spostamenti in Italia aggiornato (li ho trovati al punto 2). Bene! Ora posso partire in sicurezza. Per fortuna mi sono mosso abbastanza velocemente.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Eventuali info su voli di compagnie italiane dalla Danimarca ci verrebbero comunicate da Alitalia o da NEOS o da Blue Panorama e dalle competenti Autorità italiane. Tali informazioni sarebbero pubblicate sul nostro sito ed ACCOUNT INSTAGRAM E TWITTER @ITALYINDK. Si prega di consultare il sito https://www.esteri.it/mae/it/ dove vengono specificate tutte le attività di rientro attuate e programmate. Ricordiamo comunque che anche in caso di voli organizzati, la tariffa per passeggero è di circa 300/400 euro.

Si consiglia caldamente però di non attendere le suddette compagnie in quanto:
a) esistono già voli più economici (ad es. i citati voli Lufhtansa per Roma e Milano)
b) solitamente queste compagnie non volano in Danimarca e dovrebbero richiedere autorizzazioni speciali che richiedono tempi molto lunghi.

Nel frattempo questa Sede rimarrà come sempre a disposizione dei connazionali che dovessero avere particolari necessità. Se si vuole intraprendere invece un viaggio in treno vi consigliamo di consultare il seguente link: https://dinoffentligetransport.dk/ (sono operativi solamente fino a Flensburg, Germania quindi bisognerebbe trovare altri treni in Germania per arrivare poi in Italia).
(ricordiamo sempre che si può viaggiare SOLAMENTE con biglietto di viaggio valido con destinazione finale in una località compresa nel territorio italiano):

Se avevate prenotato un viaggio in questo periodo, si ricorda che l’Ambasciata ed il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale non intervengono sul significato che ciascun tour-operator attribuisce alle informazioni riportate sul sito e rimane estraneo a qualunque rapporto di natura privatistica, incluse le questioni attinenti alle norme che regolano i contratti di viaggio fra clienti e tour-operator/agenzie, o quelle relative alle coperture estese dalle compagnie assicurative a favore dei propri clienti. Dovrete rivolgervi alla Vs compagnia aerea per informazioni sul Vs volo e per ottenere una “ri-protezione” su tratte e/o date alternative.

 

4. INGRESSO E TRANSITO IN DANIMARCA

Se viaggi da o verso la Danimarca

Le risposte del Ministero degli Affari Esteri della Danimarca e della Polizia nazionale danese alle domande frequenti riguardanti i viaggi all'interno o all'esterno della Danimarca si trovano al seguente link (in inglese):

https://politi.dk/en/coronavirus-in-denmark/if-you-are-travelling-to-and-from-denmark

  • In particolare, si può entrare in Danimarca? Sto viaggiando in Danimarca, posso entrare nel Paese?

I viaggiatori possono entrare in Danimarca se:

  • Sono cittadini danesi
  • Risiedono in Danimarca, Groenlandia o Isole Faroer
  • È necessario transitare attraverso la Danimarca per tornare nel proprio Paese di residenza (ad esempio gli svedesi per trasferirsi attraverso la Danimarca per tornare in Svezia) o avere uno scopo degno di transitare attraverso la Danimarca
  • Avere uno scopo meritevole per l'ingresso (vedere la domanda "Cosa sono gli scopi meritevoli?" nel link indicato)

Se arrivi in ​​Danimarca dal tuo viaggio privato da qualsiasi Paese, indipendentemente dal Paese di partenza, dalla durata del tuo soggiorno e dal fatto che tu sia cittadino, residente o entrante con uno scopo meritevole, è caldamente consigliato di rimanere a casa in autoisolamento per 14 giorni, rispettare le linee guida generali per un comportamento adeguato negli spazi pubblici durante il trasporto, evitare uno stretto contatto con altre persone e prestare particolare attenzione ai sintomi di COVID-19. Nota che se ti rechi come pendolare al/ dal lavoro in Danimarca ad es. dalla Svezia o Germania (o viceversa), non dovrai rimanere a casa per 14 giorni tra i viaggi pendolari.

  • Si può transitare attraverso la Danimarca per uno scopo degno in un Paese diverso dalla Danimarca?

Puoi anche transitare in Danimarca per uno scopo meritevole in un Paese diverso dalla Danimarca se il transito è una parte naturale dell'itinerario e dichiari di voler transitare il più presto possibile. È encomiabile scopo di transito per raggiungere il suo paese di origine se il transito è una parte naturale dell'itinerario.

https://politi.dk/coronavirus-i-danmark/hvis-du-skal-rejse-ind-i-eller-via-danmark

 

5. ALTRO

Siete invitati a tenervi aggiornati anche tramite i seguenti link:


1044