Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Evento in Residenza: "EMA post-Brexit relocation"

Data:

24/10/2017


Evento in Residenza:

Lunedí 23 ottobre 2017 nella Residenza dell'Ambasciatore d'Italia a Copenaghen si è parlato della relocation dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) in seguito alla Brexit, delle sfide e delle prospettive della ricerca scientifica e delle industrie farmaceutiche, e della candidatura di Milano a prossima sede dell'EMA.

I relatori, rappresentanti dell'industria farmaceutica e della ricerca medica in Danimarca ed in Italia hanno presentato i loro studi e le loro opinioni sulle aspettative e sulle esigenze degli stakeholders italiani sul futuro dell'EMA.

Barbara Guerra, Professore Associato in Biomedical Research presso il Department of Biochemistry and Molecular Biology – University of Southern Denmark, ha presentato il suo studio sui meccanismi molecolari che conferiscono refrattarietá agli agenti chemioterapici e all'identificazione di nuove strategie per il trattamento del cancro renale.

Carmelo Carlo-Stella, Professore Associato di Ematologia presso il Department of Biomedical Sciences - Universitá Humanitas di Milano, ha presentato gli attuali studi del Dipartimento di cui è capo (Dipartimento per gli studi sulle Lymphoid Malignancies presso il Cancer Center dell'Humanitas Research Hospital) sull'uso di nuovi farmaci per il trattamento di pazienti con sindrome linfoproliferative recidive o refrattarie a trattamenti convenzionali. Il professor Carlo-Stella ha infine parlato di Milano, della dinamicitá della ricerca scientifica giá in atto e di ció che la cittá ha da offrire in termini di infrastrutture, arte, cultura, buona tavola e qualitá della vita in generale per il personale EMA e per le loro famiglie.

Alla stregua del professor Carlo-Stella, Fabrizio Grillo, Direttore per gli Affari Generali e le Relazioni Internazionali di Bracco Spa, ha sottolineato il potenziale di Milano, non solo in termini di vivibilità  e quale fulcro della ricerca scientifica e sede di grandi gruppi farmaceutici, ma anche la sua capacità immediata di accogliere EMA (plug and play) ed i suoi funzionari.

 

 


787