Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Concerto alla Ny Carlsberg Glyptotek

 

Concerto alla Ny Carlsberg Glyptotek

Nella serata dell’8 novembre la Ny Carlsberg Glyptotek di Copenaghen è stata il palcoscenico del concerto della Soprano Teresa Romano e dei Solisti dell’Opera Italiana, organizzato dall'Ambasciata e dall' Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen, con il patrocinio del Comune di Parma, ed in collaborazione con Ansaldo STS-Gruppo Hitachi (era presente il CEO Andrew Barr) e Copenhagen Metro Team (CMT).

I Solisti dell’Opera Italiana annoverano nelle loro fila alcuni tra i più affermati strumentisti del nostro Paese, selezionati tra le prime parti dell’Orchestra dell’Opera Italiana e di altre importanti orchestre italiane: Gabriele BELLU, violino, Massimo TANNOIA, violoncello, Filippo MAZZOLI, flauto, Stefano FRANCESCHINI, clarinetto, ed Andrea DINDO, pianoforte. L’originalità della formula, una selezionata formazione degli organici e la brillantezza delle esecuzioni proposte hanno fatto sì che diventassero protagonisti del progetto internazionale Con Verdi nel Mondo, che ha visto il suo debutto l’8 maggio 2014 in Germania.

La Soprano Teresa Romano, giovanissima, in pochi anni di carriera, ha debuttato già nei principali ruoli del suo repertorio nei più importanti teatri italiani e stranieri: Teatro di San Carlo di Napoli, Arena di Verona a fianco di Plácido Domingo al Gala in suo onore, Bologna, Jesi, Teatro Regio di Parma, Teatro Comunale "L.Pavarotti" di Modena, Teatro dell’Opera di Roma e si è esibita in due concerti solistici con l'Orchestra Sinfonica della RAI di Torino, trasmessi in diretta a Radio 3. Ha debuttato al Macerata Opera Festival 2010 e 2011. Nel 2013, debutta al Filarmonico di Verona e nello stesso anno debutta in Francia presso l’Opéra Municipale de Marseille.

Alla presenza di oltre 400 invitati - autorità e personalità danesi, Corpo Diplomatico, esponenti della comunità d'affari e del mondo della cultura - sono stati eseguiti brani di Mozart, Verdi e Puccini. L'Ambasciatore Queirolo Palmas ha ricordato il contributo italiano ai grandi progetti infrastrutturali in corso di realizzazione in Danimarca, e ricapitolato la notevole ricchezza del programma culturale connesso all'Italia ormai disponibile nel Paese, con un particolare riferimento alle proposte originate dalla nostra promozione o da un uso innovativo della Residenza storica e dell'Istituto di Cultura. Il direttore di Metroselskabet (la stazione pubblica danese appaltatrice della nuova metropolitana della capitale),Plougmann, ha aggiunto che la gradita presenza delle eccellenze italiane sul suolo danese non si esaurisce nel variegato panorama culturale o eno-gastronomico, ma vede l’Italia protagonista anche dal punto di vista delle infrastrutture ad alta tecnologia. E’ questo il caso della realizzazione del “Cityringen”, 22 stazioni sotterranee della Metro di Copenaghen nel centro della città, ad opera di un consorzio guidato da Salini Impregilo. Questa opera di avanguardia sarà completata dai treni “driverless” della Ansaldo-Hitachi Rail, che sono già in uso da molti anni sulle esistenti linee della Metro di Copenaghen e sono utilizzati ogni giorno da 250.000 persone.

L'evento è stato organizzato nell'ambito della XVI Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, dedicata alla creatività italiana e ai suoi marchi, ed in particolare ai settori della moda, dei costumi e del design, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

 

dsc 0073

 L'Ambasciatore Stefano Queirolo Palmas (Foto: Sinapsi)

 

dsc 0054

 Il Direttore dell'Istituto di Cultura Italiano, Fabio Ruggirello (Foto: Sinapsi)

 

dsc 0061

 La platea (Foto: Sinapsi)

 

photo hasse ferrold italy rep 70 yr concert 8 11 2016 3 2

(Foto: Hasse Ferrold)

 

photo hasse ferrold italy rep 70 yr concert 8 11 2016 1 2

 L'Ambasciatore e Andrew Barr, CEO di Ansaldo STS insieme ai Solisti e alla Soprano (Foto: Hasse Ferrold)

 

maio

 Il team di Restaurant Maio (Foto: Ambasciata)

 

L'articolo del 14 novembre sulla Gazzetta di Parma

 

 

 

 

 


Autore:

F

636